Fino a lunedì la prepotente cellula anticiclonica stanziatasi sull’Est Europa continuerà a proteggerci dagli assalti perturbati e a generare le classiche inversioni termiche, con freddo confinato nei bassi strati (ove facilmente di notte non solo potranno accumularsi le nebbie ma si formeranno anche intense gelate) e temperature più miti (di giorno) in collina e montagna.

Gli addensamenti nuvolosi che oggi ricoprono i nostri cieli per via del rientro di deboli correnti orientali, tenderanno a sparire nel corso delle prossime ore e tra domani e lunedì mattina la serenità del cielo notturno consentirà una facile dispersione di calore, con conseguenti temperature minime sempre più prossime agli 0°C.

Lunedì, al contrario, assisteremo ad una netta inversione di tendenza con un cambio di circolazione, che riporterà entro martedì le piogge sul nostro territorio.

Nel prossimo articolo tutti i dettagli.