Nella prossima notte si verificherà un evento astronomico, che va sotto il nome di ”Eclissi penombrale di Luna”, un fenomeno astronomico che, sebbene non eclatante, esercita comunque un attrattiva verso gli appassionati delle osservazioni del cielo notturno.

In termini astronomici, un’eclissi si verifica quando un corpo celeste si contrappone tra una fonte luminosa ed un altro corpo celeste proiettando la sua ombra su quest’ultimo, oscurandolo in maniera totale o parziale.

eclissi-di-lunaDurante l’eclissi di Luna, il Sole, la Terra e la Luna (che si trova sempre nella fase “piena”), si allineano perfettamente in maniera tale che l’ombra della Terra vada ad oscurare la Luna. L’ombra proiettata dal nostro pianeta assume una forma conica. Quando la Luna durante il suo moto viene a trovarsi interamente nel cono d’ombra della Terra si parla di eclissi totale, quando invece viene a trovarsi parzialmente nel cono d’ombra si parla di eclissi parziale.


Il nostro pianeta, oltre al cono d’ombra, proietta un cono più ampio detto cono di penombra costituito da quella parte di radiazione luminosa che non viene intercettata interamente dalla Terra. Quando la Luna entra nel cono di penombra si parla di eclissi penombrale.

Non aspettiamoci chissà quale effetto ottico, ma solo un oscuramento del nostro satellite, che ci apparirà più grigiastro del solito per qualche ora. La Luna entrerà nella penombra alle 23:32 di stasera per uscirne alle 03:55 di domani, 11 febbraio. Il picco del fenomeno si raggiungerà alle 01:43.