Dopo il bel weekend trascorso con temperature decisamente tardo primaverili (massima di sabato 25.5°C, massima di ieri 26.1°C), in questo inizio settimana una più apprezzabile ventilazione settentrionale sta mantenendo i valori termici nell’ambito delle medie stagionali.

Difatti, a seguito di un forte slancio verso nord di una cellula anticiclonica in direzione del nord Europa, sul nostro settore stanno giungendo delle più fresche, umide ed instabili correnti da nord/nord-est, che contribuiscono a mantenere più in linea con le medie stagionali queste giornate centrali di maggio e a determinare un più sensibile abbassamento delle temperature minime, con notti ancora relativamente fresche.

Anche sul fronte della stabilità atmosferica la situazione è mutata con una proliferazione enorme nel corso del pomeriggio di celle temporalesche, le cui propaggini hanno raggiunto anche il nostro settore ma con effetti – in termini precipitativi – circoscritti alle sole aree appenniniche, o comunque più interne rispetto al nostro territorio.

Domani prevarranno ancora le schiarite o il sole pieno (in mattinata) e gli annuvolamenti riguarderanno solo le aree interne ancor più lontane di quelle che oggi sono state raggiunte dai fenomeni, mentre una certa riacutizzazione dell’instabilità è attesa tra mercoledì e giovedì, ma con –ancora una volta – pochi effetti sul nostro settore, se si eccettuano degli annuvolamenti cumuliformi nel corso del pomeriggi–sera di mercoledì e di addensamenti di nubi basse marittime nel corso delle primissime ore di giovedì.

Ancora molta incertezza, invece, per il prossimo fine settimana. Ci torneremo nel corso dei prossimi aggiornamenti.