La campana stabilizzante di alta pressione, che già da giorni influenza positivamente il tempo di buona parte dell’Europa occidentale e del centro-nord Italia, si va espandendo verso est, allontanando gradualmente il flusso d’aria fresca settentrionale, che fino a ieri ha determinato sul nostro comparto temperature più basse della norma, anche per via della presenza di venti settentrionali tesi.

Detto promontorio anticiclonico detterà legge anche sulla Puglia almeno fino a giovedì 1° giugno, favorendo non solo condizioni di bel tempo ma anche elevando finalmente le temperature su valori tipici della stagione mediante l’instaurazione di un tipo di tempo largamente tardo-primaverile.

I valori massimi supereranno la soglia dei 25°C già da domani, ma non si stimano al momento ondate di caldo in stile estivo (con superamento della soglia dei 30°C), almeno per questa settimana. Anzi, da ieri, alcuni modelli matematici hanno individuato una potenziale falla barica in avanzamento da ovest/nord-ovest, che proprio nel lungo weekend festivo della Festa della Repubblica potrebbe determinare un lieve affievolimento (in termini di stabilità atmosferica) della struttura barica di alta pressione con una contenuta diminuzione delle temperature e un crescente rischio di temporali di calore pomeridiani sulle aree interne, forse non solo quelle appenniniche, ma anche quelle a noi più vicine (Murge).

multimodel_z500_120
Nella carta in alto, la piccola falla barica (prevista a 120 ore per sabato 3 giugno), che potrebbe determinare qualche temporale pomeridiano dalle nostre parti

Torneremo ovviamente su questo punto con gli approfondimenti che nei prossimi giorni scaturiranno dall’analisi dei diversi modelli matematici. Ad ogni modo, ad oggi, non sembrano esserci fattori tali da inficiare concretamente il complessivo buon esito del prossimo fine settimana da un punto di vista meteorologico.