Avverrà nel corso della prossima notte l’atteso cambio di circolazione nei bassi strati, che segnerà l’inizio della fine della seconda ondata di calore stagionale.

Entro le prime ore di domani, 1° luglio, l’arrivo (e poi la progressiva intensificazione) del Maestrale scalzerà il caldo africano, apportando un significativo calo delle temperature, seppur inizialmente reso poco percepibile dal corpo umano per effetto del rapido aumento del tasso di umidità.

Per questo, la giornata si sabato, nonostante la rotazione dei venti, almeno inizialmente non segnerà un pronto miglioramento delle condizioni bioclimatiche, mentre per domenica e per i primi giorni della prossima settimana il clima tornerà particolarmente gradevole, tanto per la ventilazione sostenuta dai quadranti settentrionali quanto per le temperature, che si attesteranno su valori di qualche grado inferiori alle medie della prima decade di luglio.

I prezzi da pagare per la fine dello strapotere africano saranno:

  • Qualche annuvolamento nel corso del mattino, tanto del weekend quanto di lunedì;
  • L’aumento del moto ondoso sull’Adriatico, che specie tra domenica pomeriggio e martedì mattina risulterà molto mosso.