Come previsto, è durata solo una giornata la relativa tregua dalla #canicola2017. Oggi si stanno già registrando massime over 35, e su Foggiano, aree interne di Tarantino e Leccese si va anche oltre tali valori con punte di 40 gradi!

E’ l’effetto della nuova, poderosa rimonta anticiclonica subtropicale in risalita dal nord Africa, capace non tanto di far giungere sul nostro settore l’aria bollente stazionante sui tropici, ma di autoprodurla sul posto per effetto delle correnti discendenti, tipiche del regime anticiclonico, che comprimendo l’aria dall’alto verso il basso la surriscaldano.

Andremo avanti così, anzi peggio, per altri tre giorni, cioè fino a venerdì. Le massime delle prossime 72 ore infatti non solo risulteranno in ulteriore aumento rispetto ad oggi, ma saranno più vicine alla tacca dei 40 che a quella dei 35.

Pertanto, ci aspettano altre giornate di fuoco da combattere con l’unico modo efficace, e peraltro in linea con lo stile vacanziero agostano: la fuga verso il mare. Là ancora qualche alito di brezza potrà parzialmente alleviare la forte calura.

Ne usciremo soltanto sabato. Sarà quello un giorno di “liberazione” per molti. Grazie all’inserimento di una saccatura atlantica, l’Anticiclone africano sarà costretto a smantellare le tende e a lasciar posto a masse d’aria decisamente più fresche, benché più umide e inizialmente più instabili, che per sabato produrranno anche della nuvolosità irregolare, purtroppo molto difficilmente accompagnata da precipitazioni. Tra venerdì e sabato perderemo addirittura una decina di gradi, passando da valori superiori alle medie di circa 7/8 gradi a valori inferiori alla media di 3/4 gradi.

Il periodo pre-ferragostano trascorrerà perciò con venti freschi settentrionali, mar Adriatico mosso e aria molto molto gradevole, persino quasi fresca durante le ore notturne e del primissimo mattino.

Le analisi modellistiche propendono, pressoché unitariamente, per la fine di questa parentesi di “Estate mediterranea” entro il giorno di Ferragosto.