Spinta anticiclonica in atto. Settimana senza piogge, ma con freddo moderato e venti sostenuti da nord

Dopo queste prime due settimane di dicembre particolarmente piovose (caduti 65 mm. di pioggia, circa l’80% del quantitativo complessivo del mese), si apre oggi una settimana decisamente più secca, non tanto in termini di tasso dell’umidità relativa dell’aria quanto soprattutto di assenza di precipitazioni.

L’aumento di pressione a tutte le quote, favorito da un rafforzamento dell’Anticiclone atlantico sia sull’Europa centrale che su quella occidentale, determineranno infatti una corposa stabilizzazione atmosferica su tutta l’Italia, sebbene, proprio il nostro settore risulterà quello meno interessato dagli effetti dell’alta pressione. E difatti, la Puglia – regione più orientale d’Italia – subirà ancora, almeno in parte, gli effetti dello scorrimento della masse d’aria da nord verso sud, che continueranno a scorrere lungo il bordo orientale della struttura anticiclonica.

Pertanto, oltre ad avere ancora per diversi giorni venti di Maestrale o di Tramontana abbastanza sostenuti (ancora moderatamente forti per oggi), il nostro settore avrà anche temperature del tutto invernali (con massime che difficilmente si spingeranno oltre i 10/11°C) e sole non sempre presente per la formazione, a tratti, di parziali addensamenti nuvolosi sui primi contrafforti montuosi pugliesi, che risulteranno ancora soggetti a debole o moderata convezione forzata per sollevamento orografico.

Si andrà avanti così grossomodo fino a venerdì. Sabato qualcosa potrebbe già cambiare, anche se l’ampia scadenza previsionale e la tipologia del cambiamento che si evince dai principali modelli matematici inducono ad essere molto prudenti sull’evoluzione del tempo attesa. Solo per dovere di cronaca va comunque fatto presente che nel corso del prossimo fine settimana un indebolimento della struttura altopressoria sul centro-ovest Europa (a favore della formazione di un estesissimo lago di pressioni molto più alte del normale sul nord Europa) favorirebbe sul nostro territorio l’inserimento da est (con moto retrogrado) di masse d’aria dall’Europa continentale ben più fredde di quelle attualmente presenti, con conseguenze ancora tutte da valutare.

Seguite Meteo Castellana perché l’evoluzione dei prossimi giorni sarà decisiva per stabilire le sorti del tempo del periodo prenatalizio e natalizio.